Invito alla lettura


Amici agricoltori, ho appena letto un romanzo che mi ha particolarmente colpito per semplicità e chiarezza. Si intitola “Primavera silenziosa” scritto nel 1962 da Rachel Carson una biologa marina che per prima, in america, affronta temi legati all’ambiente. I temi affrontati sono vari ma quasi sempre si concentrano sulle conseguenze disastrose legate all’uso delle sostanze chimiche. Particolare attenzione è rivolta alla contaminazione delle acque e alle ripercussioni sulla catena alimentare di un insetto o di un pesce avvelenato ingerito da un predatore. Una primavera senza il canto degli uccelli non può che essere silenziosa. L’aspetto che appassiona di più e che allo stesso tempo inquieta è l’attualità del romanzo nel quale si legge tra le righe l’apprensione di chi scrive e la cecità interessata di chi alimenta la chimica di sintesi. Molti gli esempi reali di come il metodo della morte sia fallito e di come tali sostanze hanno conseguenze a lungo e medio termine sulla salute dei viventi. Mi fermo qui perché penso che il testo della Carson non abbia bisogno di ulteriori presentazioni. Buona lettura Alessandro

26 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti